Camogli

Camogli? Cerca informazioni turistiche su Camogli con 360 GRADI, la guida ai migliori locali ed eventi a Camogli!

Cerca locali e attività commerciali a Camogli

Inserisci il tuo locale
Cerca eventi a Camogli

Inserisci un evento

Altre ricerche ...



Città e paesi ...
Regione

Provincia

Città


Città e paesi Italia
Regione Liguria
Provincia di Genova
Arenzano
Avegno
Bargagli
Bogliasco
Borzonasca
Busalla
Camogli
Campo Ligure
Campomorone
Carasco
Casarza Ligure
Casella
Castiglione Chiavarese
Ceranesi
Chiavari
Cicagna
Cogoleto
Cogorno
Coreglia Ligure
Crocefieschi
Davagna
Fascia
Favale di Malvaro
Fontanigorda
Genova
Gorreto
Isola del Cantone
Lavagna
Leivi
Lorsica
Lumarzo
Masone
Mele
Mezzanego
Mignanego
Moconesi
Moneglia
Montebruno
Montoggio
Ne
Neirone
Orero
Pieve Ligure
Portofino
Propata
Rapallo
Recco
Rezzoaglio
Ronco Scrivia
Rondanina
Rossiglione
Rovegno
San Colombano Certenoli
Sant'Olcese
Santa Margherita Ligure
Santo Stefano d'Aveto
Savignone
Serra Riccò
Sestri Levante
Sori
Tiglieto
Torriglia
Tribogna
Uscio
Valbrevenna
Vobbia
Zoagli
Provincia di Imperia
Provincia di La Spezia
Provincia di Savona

Camogli

Provincia di Genova

Regione Liguria

Camogli (Camoggi in ligure) è un comune italiano di 5.674 abitanti della provincia di Genova in Liguria.

Tipico borgo marinaro, centro turistico noto per il suo porticciolo e per i palazzi variopinti sul lungomare. È anche chiamata la Città dei Mille Bianchi Velieri o la Gemma del Golfo Paradiso. Del territorio comunale fanno parte le seguenti località: Portofino Vetta, Punta Chiappa, Ruta, San Fruttuoso, San Rocco, Mortola, Case Rosse.

I suoi abitanti per tradizione locale vengono comunemente denominati camoglini in virtù dell'antico toponimo Cammugin del dialetto camoglino.

Geografia fisica

Il centro di Camogli è situato all'estremità occidentale del promontorio di Portofino, nella Riviera di Levante a 23 chilometri da Genova. Appartiene a Camogli la parte più ampia del Parco naturale regionale di Portofino. Lo specchio acqueo antistante il promontorio fa parte dell'Area Marina Protetta di Portofino.

L'aspetto più rilevante della cittadina è la presenza di edifici colorati che si affacciano sulla spiaggia. I colori e le linee più chiare orizzontali (dette marcapiano) servivano ai marinai camogliesi per riconoscere più facilmente la propria abitazione tra i vari piani dei palazzi del borgo e farvi ritorno dopo la pesca. La maggior parte degli edifici del centro storico sono stati edificati con un susseguirsi di aggiunte e modifiche nel corso dei secoli. Spesso le aggiunte riguardavano anche singole stanze che modificavano l'aspetto sia interiore che esteriore dei palazzi. La nascita di un figlio di un navigante o quanto ricavato da un lungo imbarco, spesso erano le motivazioni da cui nasceva una nuova appendice al palazzo esistente.

Nel 1913, secondo una moda il cui esempio più eclatante è la promenade di Nizza, vengono abbattuti i palazzi prospicienti il mare creando la passeggiata a mare, con la rotonda in stile littorio. La scelta dell'abbattimento fu dettata anche dallo stato in cui versavano gli immobili, strutture in legno e pietra da secoli preda di ondate e salsedine. La spiaggia, o perlomeno l'incremento della poca preesistente, si ebbe con il terreno di risulta della realizzazione del tracciato ferroviario, con l'apertura delle gallerie a levante (verso Santa Margherita Ligure) e a ponente (verso Recco).

La caratteristica degli edifici costruiti a breve distanza dal mare si deve però alle caratteristiche del territorio. Camogli è costruita lungo le pendici di un rilievo quasi a picco sul mare.

Questo aspetto orografico ha l'effetto di garantire a Camogli un clima particolarmente temperato, tipico di molte località del Levante genovese, non riuscendo i venti freddi provenienti dalla pianura Padana a raggiungere la costa. Anche per questo Camogli è un'apprezzata località turistica.

Storia

Il borgo di Camogli ha origini preistoriche, lo testimonia un insediamento,individuate sul Monte Castellaro, strutturato su terrazzamenti artificiali dove sono visibili almeno due capanne rispettivamente datate,in base al materiale ceramico, al XVI e XIII secolo a.C. . Nella stessa zona sono stati ritrovati reperti romani del II secolo a.C.

Già sotto il dominio dei vescovi di Milano intorno all'anno 1000, viene citata in un testo dell'epoca medievale dove compare con il nome di Vila Camuli ed è dal Medioevo in poi che compare maggiormente nella storia genovese. Nel XII secolo fu eretto il castello della Dragonara, posto a difesa del borgo marinaro, che verrà assalito e distrutto da Gian Galeazzo Visconti e Nicolò Fieschi nel 1366 e successivamente anche dal Ducato di Milano nel 1438. Dal XVI secolo si unirà più strettamente a Genova, specie per le continue scorrerie del pirata turco Dragut. La città viene fortificata e il porto completato nel 1624.

Nel 1798, dopo la Battaglia navale di Abukir, nella quale la flotta ligure guidata da Napoleone Bonaparte viene annientata, gli armatori camogliesi investono i propri capitali nella costruzione di velieri mercantili, arrivando a disporre di una flotta numerosa pari al doppio di quella dell'allora porto di Amburgo. Nel 1815 verrà inglobato nel Regno di Sardegna, così come stabilirà il Congresso di Vienna del 1814 anche per gli altri comuni della repubblica ligure, e successivamente nel Regno d'Italia dal 1861.

Già nel 1856 la sua flotta è composta da 580 imbarcazioni iscritte alla Mutua Assicurazione Marittima Camogliese, unica al mondo, la quale resterà attiva fino al 1888. Con l'avvento della navigazione a vapore le attività tradizionali marinare camogliesi vengono, nel tempo, sostitutive al turismo.

Simboli

Descrizione araldica dello stemma:
« D'azzurro alla nave antica a tre vele latine vogante sopra il mare di verde fluttuoso d'argento verso una torre d'oro, fondata sopra uno scoglio al naturale, questo uscente dal mare nel fianco destro dello scudo con una stella d'oro raggiante d'argento nel punto del capo »

(Araldica Civica.it)

Lo stemma ufficiale è stato approvato con l'apposito Reale Decreto del re Umberto I di Savoia datato al 3 maggio del 1877; nello stesso decreto si stabilì l'onorificenza del titolo di Città.

Monumenti e luoghi d'interesse

Architetture religiose

- Basilica di Santa Maria Assunta nel borgo storico camoglino.
- Abbazia di San Fruttuoso nell'omonima baia.
- Chiesa di San Michele Arcangelo nella frazione di Ruta di Camogli.
- Santuario di Nostra Signora del Boschetto.

- Chiesa Millenaria del XIII secolo nella frazione di Ruta di Camogli.
- Chiesa di San Rocco nella frazione omonima con vista panoramica sul Golfo Paradiso.
- Chiesa di San Nicolò di Capodimonte del XII secolo, situata lungo il sentiero che conduce dalla chiesa parrocchiale di san Rocco alla celebre Punta Chiappa
- Oratorio di San Prospero e Santa Caterina. Costruito nel XIV secolo, molto probabilmente nel 1420, e intitolato a san Prospero e santa Caterina è stato ampliato nel Settecento. All'esterno sulla facciata è presente un medaglione di marmo con Cristo Risorto, rinvenuto in mare nel 1932. All'interno decorazioni barocche, e un crocifisso ligneo del XV secolo e tele di scuola ligure del XVIII secolo.

Architetture civili

Di origine medievale, il castello della Dragonara fu eretto nel XII secolo, qui i camogliesi si ritrovavano per eleggere i loro rappresentanti o si ritiravano in momenti di pericolo, all'interno delle mura. Fu assalito e distrutto da Gian Galeazzo Visconti e Nicolò Fieschi nel 1366 e, dopo essere stato ricostruito, anche dal Ducato di Milano nel 1438. Nel XVI secolo venne infine adibito a prigione.

Religione

Santi Patroni

Patroni di Camogli sono la Madonna del Boschetto, san Prospero e san Fortunato. La festa della Madonna del Boschetto si celebra il 2 luglio per commemorare l'apparizione che, in tale data, nel 1518 ebbe Angiola Schiaffino nel luogo ove oggi sorge il Santuario dedicato alla Vergine. La festa di San Prospero si celebra il 31 agosto per commemorare il santo vescovo di Tarragona che nel 409, di ritorno da una visita papale, si sdraiò per riposare sulla Via Romana sopra Camogli e rese l'anima a Dio.

San Fortunato, un legionario romano convertito al Cristianesimo ed ucciso nel circo dai suoi stessi commilitoni, la cui salma arrivò a Camogli nel 1710 dietro le pressioni del parroco camoglino Padre Pellegrino De Negri che era confessore del papa Clemente XI, è festeggiato la seconda domenica di maggio.

Cultura

Musei

Museo Marinaro "Gio Bono Ferrari"

Il museo fu ideato e fondato dal camogliese Gio Bono Ferrari nel 1937 e l'intera collezione marinara fu poi donata, nel 1938, al Comune di Camogli attuale proprietario. Nel 1971 fu spostato nella sua sede attuale assieme al museo archeologico e alla biblioteca civica camogliese.

La collezione, per lo più donata da privati, comprende oggetti legati alla nautica a partire dalla dominazione francese di Napoleone Bonaparte (1797) fino alla Prima guerra mondiale. In varie teche sono esposti cimeli, modellini in scala di velieri e navi, strumenti nautici per la navigazione nonché antiche stampe e dipinti dell'epoca. Uno dei dipinti più antichi è quello raffigurante un pinco del 1790.

Sono inoltre conservati gli antichi manoscritti originali dello statuto della Mutua Assicurazione Marittima Camogliese, fondata nel 1853; nella collezione sono presenti un gran numero di libretti di navigazione, portolani e manuali di nautica di varie epoche. In un'altra sezione sono custoditi oggetti del Risorgimento italiano tra le quali lettere ed oggetti appartenuti a Giuseppe Garibaldi e alla Spedizione dei Mille.

Museo Civico Archeologico

La nascita del museo fu possibile grazie alla collaborazione tra la Soprintendenza Archeologica della Liguria, il Centro Studi per la Storia Camogliese, l'Istituto per la Storia della Cultura Materiale di Genova e il Comune di Camogli. Inaugurato il 19 dicembre del 1981 e situato in una sala attigua al museo marinaro, raccoglie testimonianze e reperti dell'antico castellaro preistorico di Camogli risalente all'Età del Ferro. Tra gli oggetti più antichi è conservata una piccola moneta in argento cisalpina databile tra il III e il II secolo a.C.

Eventi

- Festa di San Fortunato. Il giorno precedente alla Sagra del Pesce durante la sera e la notte si svolge la festa. Una processione trasporta per il paese un'effige del santo seguito dalla banda e dai fedeli, verso mezza notte vengono sparati una serie di fuochi artificiali per diversi minuti e quando terminano viene dato fuoco a due enormi falò costruiti uno sulla spiaggia antistante alla Basilica e uno antistante alla Rotonda. I falò sono preparati dai quartieri del Porto e del Pinetto, che gareggiano a chi produce quello più spettacolare e duraturo.

- Sagra del Pesce, la seconda domenica di maggio, si svolge dal 1952. Giornata dedicata alla frittura del pesce in un gigantesco padellone di acciaio inossidabile del diametro di 3,8 metri, un manico di 6 metri, 2,8 ton di peso e una capacità di 2000 litri. Il padellone è in uso dall'edizione del 1954 (prima erano usate delle padelle normali), in passato ne sono stati impiegati anche di dimensioni maggiori rispetto a quello attuale (nel 1960 ne fu introdotto uno di 5 metri di diametro), posto su impalcature che sorgono sui fondali del porticciolo, è diventato una delle attrazioni tipiche della città e uno dei principali richiami per i turisti.

- La Stella Maris viene celebrata la prima domenica d'agosto. La festa è dedicata ad una raffigurazione della Madonna come protettrice dei marinai, la Stella del Mare, un mosaico ritrovato nella chiesa di San Nicolò Capodimonte, e che risalirebbe al 400 d.C. La mattina il colpo di cannone annuncia la partenza del Dragun, la barca cerimoniale di Camogli, che porta il parroco all'altare di Stella Maris situato sulla "Punta Chiappa"; il Dragun viene seguito dalle barche degli spettatori impavesate per l'occasione. La sera, quando fa buio, il "Dragun" e le piccole barche a remi (kaiak e canoe) con una torcia legata a poppa seguono il dragun in fila davanti alla spiaggia, a volte facendo delle gare di velocità, mentre la gente dalla spiaggia mette in mare centinaia di lumini che illuminano il tratto d'acqua antistante.

Economia

La principale attività economica è legata soprattutto al turismo, ma anche al commercio dei propri prodotti locali. La Sagra del Pesce richiama molti turisti soprattutto dalla pianura padana e dall'estero. Località ex sede di retifici (manifattura di reti da pesca), Camogli è inoltre uno dei pochissimi luoghi liguri dove ancora viene praticata professionalmente la pesca, con una flotta di pescherecci, lampare e una tonnara centenaria.

Porti

Camogli è collegata con il Porto antico di Genova, con San Fruttuoso, Portofino e altre località del Golfo Paradiso e delle Cinque Terre da un sistema di battelli, che effettuano diverse corse al giorno (alcune su prenotazione e solo con un numero minimo di passeggeri).

Voci correlate

- Abbazia di San Fruttuoso
- Parco naturale regionale di Portofino
- Riserva marina di Portofino
- Golfo Paradiso
- Cristo degli abissi
- Castello della Dragonara
- Rari Nantes Camogli
- Basilica di Santa Maria Assunta (Camogli)
Turismo in Liguria | Dormire in Liguria | Mangiare e bere in Liguria | Sport e tempo libero in Liguria | Locali notturni in Liguria | Shopping in Liguria | Notizie | Navigatore in Liguria

Pubblicità in Liguria su 360 GRADI | Avvertenze legali | Amici di 360 GRADI | Lavora con noi | Dicono di noi | Contatta 360 GRADI

Copyright © 2005-2011, 360 GRADI di Caramanico Valeriano. Tutti i diritti sono riservati.
E' severamente vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti presenti su questo sito.

360 GRADI Android app

Promuovi gratuitamente il tuo locale o la tua attività commerciale in Liguria su 360 GRADI
Promozione gratuita locali
e attività commerciali

Promuovi gratuitamente un evento, un concerto, una manifestazione che si terrà in Liguria
Promozione gratuita eventi,
concerti, manifestazioni

Inserisci anche tu il logo Segnalato da 360 GRADI sul tuo sito web
Inserisci anche tu il logo
"Segnalato da 360 GRADI"
sul tuo sito web